In occasione della Settimana del Design, in programma a Milano dal 14 al 19 aprile, SisalPay ripropone il concept vincente dei “Time Angels”, che ritornano per far vivere da privilegiati tutti gli eventi in programma nelle zone Tortona, Porta Genova, Nuova Darsena e Navigli.

Più valore al tempo e più tempo per se stessi: questa la mission del progetto “Time Angels”, grazie a cui SisalPay fornirà ai visitatori servizi utili per risparmiare tempo e vivere con comodità una settimana fitta di interessanti appuntamenti.

Grazie ad un badge ottenibile con una semplice registrazione presso le aree presidiate dai Time Angels o sulla pagina dedicata sarà possibile accedere a tutti i servizi messi a disposizione da SisalPay.

Per l’intera settimana che trasforma Milano nella capitale del Design, SisalPay riserva, inoltre, ben cinque Time Zone dove potersi rilassare e divertire, dando più valore al proprio tempo.

SisalPay Time Zone – Più Tempo per Te

Time Bench – Via Tortona – Tutto il relax necessario dopo aver preso parte agli eventi di zona Tortona: un buon caffè, la lettura di un giornale e la possibilità di ricaricare il telefono; in attesa di un finale a sorpresa.

Time Boat – Navigli/Nuova Darsena – Un passaggio “a remi” lungo il Naviglio e la possibilità di scoprire la Nuova Darsena insieme ai Time Angels

Calessino – Porta Genova – Un simpatico calessino a disposizione di tutti i registrati, che potranno farsi accompagnare dai Time Angels nelle location più In nel Design District

Motion – Via Bergognone – Monopattini, risciò a pedali ed un multitandem a disposizione così da evitare gli ingorghi che bloccano la città nella settimana del Design

SisalPay Island – Alzaia Naviglio Grande – Un’area riservata SisalPay: di giorno, Relax, Make-up, Barbiere e Live Painting; di sera, DJ set e concerti gratuiti fino alle 22:30, per non perdere l’occasione di un divertimento esclusivo

DJ Set – Più Tempo per la Musica

Tanta musica nel cuore dei Navigli: la SisalPay Island ospiterà ogni sera un DJ per vivere la musica da una postazione d’eccezione. Martedì 14, mercoledì 15 e giovedì 16 aprile si esibiranno i Next2TheBeat; venerdì 17 e sabato 18, Special Guest i DJ Andrea Giuliani e Luca Rossetti, in un’atmosfera Deep Minimal Electronic.

Più tempo per le emozioni

Gli eventi musicali saranno anticipati da tre appuntamenti ispirati all’arte. SisalPay e IGAV – Istituto Garuzzo per le Arti Visive – presenteranno, infatti, sul Naviglio Grande, cornice unica nel suo genere e, da sempre, luogo particolarmente amato dagli artisti, una performance al giorno in cui ogni artista, con la propria arte, sperimenta nuovi e possibili dialoghi che stimolano direttamente i sensi e la percezione. L’IGAV propone le performance live di Barbara Uccelli – venerdì 17 alle 19:30; Rosy Rox – sabato 18 alle 19:30; Giulia Gallo – domenica 19 alle 12:00 – che intensificano l’incontro tra arte e pubblico, unendo alla forza attrattiva della performance lo spazio pubblico e lo spettatore che, inconsapevole, si trova a partecipare improvvisamente ad un’esperienza d’arte.


Sarà Emanuela Aureli, imitatrice ed attrice italiana, a rendere omaggio al pubblico del nuovo punto Sisal Wincity di via Vespasiano, a Roma, con il suo nuovo spettacolo “Emanuela Aureli Show”.

Anna Tatangelo, Beppe Grillo, Mara Venier, Barbara d’Urso, chissà quali saranno i personaggi dello spettacolo che la comica umbra porterà sul palco del Sisal Wincity.

L’appuntamento previsto è per il prossimo venerdì 27 marzo, quando dalle ore 21.00, gli ospiti della nuova sala Wincity di Roma, la seconda nella capitale, potranno vivere una serata di divertimento e gusto con un esilarante live show dell’Aureli. La serata inizierà dalle ore 20.00 con un apericena musicale in attesa dell’esibizione della comica italiana. Dopo lo show, invece, dj set, musica e danze per tutti i partecipanti fino alla mezzanotte.

Il programma di eventi del prossimo 27 marzo conferma lo spirito di aggregazione e divertimento propri del network Sisal Wincity presente sul territorio italiano con 19 punti di vendita e del nuovo locale del Gruppo Sisal inaugurato lo scorso 25 febbraio. Wincity “Eat, Drink. Play” è infatti un luogo dedicato all’intrattenimento a 360° che, oltre ad offrire un’ampia offerta di gioco, propone ristorazione di alta qualità ed un palinsesto ricco di eventi musicali e di spettacolo. La scelta di due testimonial d’eccezione che hanno inaugurato il punto vendita di Roma Vespasiano come Claudio Amendola ed, appunto, Emanuela Aureli risponde proprio “all’idea che più di tutte abbiamo a cuore: quella di integrarci con la città in maniera armonica e costruttiva cogliendone gli elementi più caratterizzanti. Claudio Amendola e Emanuela Aureli con la loro naturale simpatia ed esperienza, ci hanno aiutato in questo percorso romano indirizzando gli sforzi al comune desiderio di soddisfare allegria e palato, ingredienti indispensabili per garantire lo spirito di leggerezza e divertimento che è proprio delle nostre sale. Sono certo che Sisal Wincity diventerà uno spazio a disposizione dei romani, dove saranno proposte manifestazioni e spettacoli di grande interesse”, queste le parole di Marco Bedendo – Responsabile Business VLT e Sisal Wincity.

Dopo la “Sfida di Gusto” con la partecipazione di Claudio Amendola, Emanuela Aureli e lo chef stellato Angelo Troiani, e l”’Emanuela Aureli Show” in programma il prossimo 27 marzo, seguirà per tutto il 2015 un ricco palinsesto di appuntamenti, all’insegna di sport, musica, arte e spettacolo in grado di stupire la clientela del Sisal Wincity di Roma e fornire un nuovo spazio di aggregazione, sia per un pubblico maschile che femminile, dove mangiare, bere, giocare e divertirsi in compagnia. E’ possibile consultare l’intera proposta di entertainment dal sito ufficiale www.sisalwincity.it, sempre aggiornato sugli eventi e le novità della sala romana Sisal Wincity.


Buon compleanno a James Pallotta, presidente dell’As Roma che oggi compie 57 anni e che dal 2012 è il 23° presidente della squadra giallorossa. E forse il regalo migliore per il suo cinquantasettesimo compleanno sarebbe stato una vittoria importante in casa della Fiorentina, un’opportunità in più per la gara di ritorno a Roma e per aggiudicarsi il passaggio al turno successivo di Europa League.

Il pareggio, caro Presidente, però, non è da sottovalutare. Nonostante la “sindrome del pareggio” che sta colpendo ultimamente la squadra della Roma, questo risultato ha tanto da dire in più rispetto allo scialbo 0-0 fuori casa con il Chievo, all’1 a 1 del Bentegodi di Verona o, peggio ancora, dell’altro 0-0 in casa contro l’ultima del campionato.

Questo pareggio ha un sapore diverso innanzitutto perché è realizzato sul campo della Fiorentina, una delle squadre che ultimamente sta dimostrando, forse, il miglior calcio in Italia (vogliamo ricordare anche la vittoria a Torino dei viola in Coppa Italia contro la Juventus) e, di sicuro, di poter ambire a traguardi importanti, non solo nel nostro campionato, ma anche in Europa. Questo pareggio ha un sapore diverso anche perché le statistiche di gioco parlano chiaro: maggior possesso palla, un numero maggiore di occasioni da rete, soprattutto un’occasione sprecata dagli 11 metri.

Questo pareggio ha un sapore diverso perché, se è pur vero che la Roma non riesce più a vincere ed il suo attacco è lontano parente di quello dello scorso campionato e anche dell’inizio di stagione, è anche vero che questa Roma non ha per nulla la voglia di perdere. E anche quando le partite sembrano direzionarsi verso un epilogo alquanto negativo, la squadra di Rudi Garcia riesce sempre a ricomporre i pezzi: è successo ieri a Firenze dopo il gol iniziale di Ilicic, è successo a Roma nello scontro diretto in 10 uomini e dopo la punizione di Tevez. Il regalo per il presidente, allora, non saranno stati i tre punti in Europa ma la promessa per un cambio di rotta importante. «Siamo la stessa squadra che ha fatto bene il primo tempo col Verona, che ha vinto col Feyenoord e ha giocato bene nel finale contro la Juventus. Con la Fiorentina potevamo vincere, abbiamo mostrato carattere e personalità: il calcio è così, siamo passati da una prestazione inquietante ad una interessante. A volte non riusciamo a fare quello che vorremmo, contro la Fiorentina invece siamo riusciti a fare quello che avevamo in testa. Peccato perché potevamo vincere ma non abbiamo sfruttato le occasioni», si legge dalle dichiarazioni del mister Rudi Garcia dal sito di news sull’As Roma. La Roma ha dato segnali di ripresa incoraggianti e, forse, presidente Pallotta, il regalo per il suo cinquantasettesimo compleanno è solo rimandato al mese di maggio.

Letto: 3.229 | Categoria: Sport

scr_257763_3860Una richiesta d’aiuto da condividere con tutti, un appello di collaborazione e di sostegno concreto a favore dell’Organizzazione mondiale WWF affinché con un semplice gesto ed un minimo contributo di ciascuno si possano salvaguardare migliaia e migliaia di cuccioli di animali in pericolo. Il fenomeno sempre più dilagante del bracconaggio e dei crimini di natura, infatti, oltre a favorire l’estinzione territoriale di numerose specie animali e ad alimentare un giro d’affari illegale di diversi miliardi di dollari ogni anno, è causa indiretta della morte di numerosi cuccioli di animali.

La caccia sfrenata è agli esemplari di animali più rari, alle specie più richieste dai mercati clandestini, ma anche a quelle meno indifese e non per questo meno attraenti. Gli animali vengono braccati sul territorio, catturati ed uccisi per rispondere alla domanda sempre più insistente di avorio o di pelli pregiate. Ma quando il maschio o la femmina adulta di una specie viene catturato dai bracconieri, il cucciolo di animale viene lasciato in vita, perché di scarso interesse commerciale, in balia, però, dei pericoli e delle minacce dell’ambiente circostante. Incapaci di nutrirsi o di cacciare, i piccoli orfani (di tigre, di elefante, di orso o lupo) hanno un destino pressoché segnato. Il compito del WWF è quello di permettere ai cuccioli di animali rimasti orfani di poter sopravvivere, di prevedere un’alternativa di salvezza alla morte quasi certa. Affidandoli alle cure degli esperti, invece, i cuccioli, una volta pronti ad affrontare il mondo, potranno essere rimessi in libertà e proseguire con la continuazione della propria specie. Sono i ranger del WWF, presenti in numerose aree del mondo, a sostituirsi, nei primi anni, alla figura della madre o del padre e a fornire le cure parentali necessarie alla crescita e alla maturazione del cucciolo.

Scegliere di collaborare con la WWF ONLUS con una semplice donazione vuol dire, quindi, contribuire all’impegno sul campo di tutte le persone ed i volontari che attivamente, giorno dopo giorno, portano avanti dei progetti di tutela e di difesa dell’ambiente. La donazione di tutti potrà servire a migliorare le strutture e le strumentazioni utilizzate attualmente dalle squadre antibracconaggio nei luoghi del pianeta più a rischio, così come anche a creare aree protette, nuove riserve o corridoi naturali per permettere alle specie e ai cuccioli di animali minacciati di muoversi e giocare in libertà.


Non a tutti è consentito lasciarsi andare a pasti abbondanti e “golosi”, anche se uno strappo alla regola a tavola ogni tanto bisognerebbe anche concederselo. E’ fuori di dubbio che la salute del nostro corpo dipende, in parte, anche dal tipo di alimentazione che seguiamo e dall’apporto calorico e nutritivo che cerchiamo di fornire, giornalmente, al nostro organismo.

Non tutti, come detto, però, possono seguire un’alimentazione così tanto ricca e variegata, costretti come sono, da patologie o problematiche di salute che ne limitano le possibilità della scelta di piatti in cucina. Pensiamo, ad esempio, alle persone affette dall’IRC, o insufficienza renale acuta, una sindrome che viene caratterizzata dalla riduzione graduale delle funzioni dei reni. Tutti sappiamo qual è il ruolo assegnato all’organo “pulitore” per eccellenza, ovvero quello di filtrare i prodotti di scarto dal sangue ed eliminarli, mediante le vie urinarie, dal nostro organismo.

Da questo punto di vista, le capacità renali possono essere indicate con un valore di efficacia che in una scala da 1 a 5 corrisponde, da un lato, al perfetto funzionamento dell’organo e, dall’altro, alla necessità di sostuire il rene malato. Ad uno stadio 5, infatti, si fa ricorso, di solito, ad un intervento chirurgico, per un trapianto, o alla dialisi, un sistema “artificiale” in grado di ripulire, al posto del nostro rene, il sangue dalle sostanze di scarto. Come detto, l’insufficienza renale è progressiva e nel tempo tende a ridurre la velocità di filtrazione glomerulare che costituisce un importante indicatore della funzionalità renale. Per tentare un trattamente conservativo, ovvero per creare più opportunità di mantenere inalterate le già compromesse funzioni renali, un malato di IRC può ridurre i rischi di salute seguendo una dieta iposodica e a basso contenuto di proteine. I sali minerali, infatti, così come le proteine sono le sostanze più difficili da filtrare per un rene malato e, da questo punto di vista, un’alimentazione più attenta può favorire lo stato di salute dell’organo “stanco” evitando dei sovraccarichi di lavoro. Le nuove opportunità presenti sul mercato alimentare, inoltre, possono supportare il paziente nella scelta dei cibi corretti, offrendo una vasta gamma di prodotti specifici indicati, proprio, per il regime alimentare di pazienti affetti da insufficienze renali. Pasta, pane, biscotti, ma anche farine o bevande da bere a tavola, oggi esistono delle linee di prodotti complete e nutrienti appositamente studiate per tutti coloro che devono seguire un’alimentazione a basso contenuto di proteine e con un apporto controllato di sali, sodio, potassio, fosforo.

Letto: 2.710 | Categoria: Salute